La storia

La Federazione provinciale Scuole materne di Trento è un’associazione nata nel 1950 dal volere delle scuole dell’infanzia distribuite sul territorio provinciale. Lo scopo di allora, come oggi, è quello di valorizzare l’identità di ogni scuola e promuoverne il ruolo di stretta interazione con la comunità. Già a metà del Novecento, ben 27 anni prima che l’innovativa legge 13/77 venisse approvata, le scuole avevano capito l’importanza di mettere in rete le proprie risorse e le proprie specificità per la crescita dell’intero servizio educativo e perché l’autonomia di ogni singola realtà venisse valorizzata e arricchita dal confronto e dall’apertura alle esperienze delle altre scuole associate. Consapevoli già allora della necessità di unirsi, di fare sistema, di creare un legame forte, stipularono quel “patto associativo”, in termini di appartenenza solidaristica, esistente ancora oggi tra la Federazione e ogni singola scuola e tra le scuole fra di loro.

Si legge nello Statuto della Federazione "...nel quadro di un proprio modello istituzionale, pedagogico ed organizzativo conforme all'autonomia statutaria degli enti associati e alla propria peculiare autonomia associativa, la Federazione persegue i seguenti fini:

  • concorrere a definire e promuovere il progetto storico e pedagogico delle comunità scolastiche associate, ordinato alla promozione e allo sviluppo di una cultura educativa e scolastica rispondente ai bisogni e ai valori delle stesse comunità e della più ampia società civile;
  • promuovere l'elaborazione e la realizzazione del modello istituzionale, pedagogico e organizzativo della scuola dell'infanzia;
  • definire e promuovere la "Scuola autonoma della comunità" come principio regolativo delle scuole equiparate dell'infanzia, elaborando e diffondendo la cultura dell'autonomia, della partecipazione e delle realtà associative".

Configurata come un'istituzione associativa di secondo grado, dotata perciò di una propria organizzazione, la Federazione svolge oggi a favore dei propri associati una vasta gamma di servizi che spaziano dagli aspetti istituzionali, gestionali, legali, fino a quelli più specificamente educativi, pedagogico-didattici, scientifici, culturali e sociali, tutti finalizzati a:

  • sostenere i singoli Enti gestori nel ruolo di interpreti dei bisogni delle comunità locali, mettendo a loro disposizione risorse e strumenti adeguati;
  • realizzare pienamente la loro autonomia in tutti gli ambiti del loro impegno, in particolare in quelli culturali e scientifici;
  • promuovere la ricerca, l'innovazione e la sperimentazione negli ambiti delle scienze dell'educazione;
  • sostenere, promuovere e attuare programmi di politica scolastica;
  • elaborare, proporre e gestire interventi di formazione e di aggiornamento per il personale in servizio presso le scuole associate e per gli stessi Enti gestori;
  • organizzare seminari, convegni e iniziative sui temi della scuola, dell'università e della ricerca;
  • sviluppare un'intensa attività editoriale e di documentazione.